Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clikka sul pulsante "Leggi l'informativa".

Chiudendo questo banner tramite il pulsante "OK" acconsenti all’uso dei cookie.

In autunno in televisione una fiction su Pio XII (CdSG 2/10)

Condividi l'articolo

pioxiiIl Santo Padre Benedetto XVI ha recentemente assistito alla proiezione del film Sotto il cielo di Roma. Il film, prodotto da Matilde e Luca Bernabei, ed interpretato dall’attore inglese James Cromwell, narra i tragici momenti vissuti da Roma tra la resa dell’esercito italiano agli alleati, l’8 settembre 1943, e la liberazione della città, il 4 giugno 1944, i mesi in cui Roma fu occupata dai tedeschi: “in questo contesto - spiegano i Bernabei - ci è sembrato giusto raccontare il ruolo di Pacelli come defensor civitatis; i suoi sforzi, troppo spesso misconosciuti, di proteggere i cittadini della capitale a prescindere dalla loro razza e appartenenza di fede; il confronto con le autorità tedesche in cui giocò tutta la sua abilità diplomatica, mettendo anche a rischio la sua incolumità personale”. Il film si apre e si chiude su un momento di raccoglimento e preghiera, in cui il pontefice si affida a Dio, Papa Pacelli appare “un uomo complesso, consapevole del dramma che va crescendo intorno a lui così come della grande prova che dovrà affrontare”, ma anche “un uomo intelligente, attivo, che trae la sua forza dal totale affidamento a Dio”. “Nel rimandare al Signore il giudizio sul suo operato - concludono i produttori - Pio XII esprime il dramma del cristiano chiamato a fare scelte difficili in un tempo tragico. Scelte che, come hanno testimoniato tanti fin da allora, portarono alla salvezza di molte persone nascoste negli istituti religiosi su ordine del Papa che preferì agire piuttosto che fare proclami, deciso a spendersi per chiunque fosse minacciato”.

 

Benedetto XVI, nel suo intervento al termine della proiezione, ha ricordato il “ruolo fondamentale del venerabile Pio XII nella salvezza di Roma e di tanti perseguitati, tra il 1943 ed il 1944”; secondo il Papa, “pur nel genere divulgativo, si tratta di un lavoro che, anche alla luce degli studi più recenti, vuole ricostruire quelle drammatiche vicende e la figura del Pastor Angelicus”. Il Papa ha rimarcato che “Pio XII, come padre di tutti, ha presieduto alla carità a Roma e nel mondo, soprattutto nel difficile tempo del secondo conflitto mondiale”.

 

Il film affronta questioni come l’ordine di Hitler di sequestrare il Papa e il rifiuto di quest’ultimo di abbandonare il Vaticano, l’operato della Chiesa per soccorrere gli ebrei di Roma e l’assistenza ad una popolazione afflitta da fame e privazioni. Per questo progetto, si è lavorato sui documenti per la causa di beatificazione di Pio XII ed il suo rapporto col nazionalsocialismo. La miniserie verrà trasmessa dalla RAI, probabilmente in autunno.

Condividi l'articolo