Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clikka sul pulsante "Leggi l'informativa".

Chiudendo questo banner tramite il pulsante "OK" acconsenti all’uso dei cookie.

Lo scrittore Vittorio Messori a San Galgano

Condividi l'articolo

messori1Il 18 di settembre scorso, in occasione della festa de “Il Timone”, il bel mensile di apologetica cattolica, organizzata ogni anno dal Circolo Amici del Timone di Staggia Senese e dal suo instancabile animatore, il Rev. Don Stefano Bimbi, lo scrittore Vittorio Messori, che del Circolo era ospite, ha chiesto di poter visitare l’eremo di Montesiepi e l’abbazia di San Galgano.

Vittorio Messori è il più grande scrittore cattolico vivente: il suo curricolo vanta decine e decine di titoli, fra cui alcuni best e long-sellers, come Ipotesi su Gesù, Patì sotto Ponzio Pilato e Dicono che è risorto, ma anche i due celebri libri-intervista Rapporto sulla fede, all’allora Cardinale Joseph Ratzinger, oggi felicemente regnante Papa Benedetto XVI, e Varcare le soglie della speranza, al Beato Giovanni Paolo II (cinquantatre traduzioni e venticinque milioni di copie vendute). Lo stesso Papa Benedetto ha citato Messori nei due ultimi libri su Gesù, del 2007 e del 2011: unico scrittore italiano vivente ad essere citato nelle opere del Santo Padre.messori2

Messori, che era accompagnato da due amici, ha assistito alla Santa Messa nell’Eremo ed è quindi stato accompagnato nella visita dal nostro Priore Generale e dal nostro Cancelliere. Il Priore ha regalato al grande scrittore una delle ultime superstiti copie del bel libro di Giuseppe Seniori-Costantini Vita di San Galgano, stampato a cura della nostra Compagnia agli inizi del Novecento, ed oggi quasi introvabile, oltre al suo ultimo lavoro, ancora fresco di stampa, San Galgano: il Santo, l’Eremo, l’Abbazia, e ne è stato ricambiato del dono di Perché Credo. Una vita per rendere ragione della fede, l’ultima fatica del grande scrittore, con affettuosa dedica.

 

Frater

messori3

 

Condividi l'articolo